Campaccio: Lalli e Meucci sul podio, bene anche la Gaggi

Campaccio: Lalli e Meucci sul podio, bene anche la Gaggi

- in SPORT, TRAIL
467
0

6 gennaio 2015 – Il già campione europeo di campestre Andrea Lalli (Fiamme Gialle) e l’oro continentale di maratona Daniele Meucci (Esercito) tingono d’azzurro il podio del 58° Campaccio Cross Country, vinto oggi a San Giorgio su Legnano (MI) dallo statunitenseDathan Ritzenhein. L’appuntamento del circuito mondiale IAAF Cross Country Permit, organizzato dall’US Sangiorgese e che inaugura il 2015 della corsa campestre, ha visto i due azzurri recitare la parte dei protagonisti sin dalle prime battute insieme al canadese Mo Ahmed, al polacco Krystian Zalewski e agli altri italiani Patrick Nasti (Fiamme Gialle) e Ahmed El Mazoury (Fiamme Gialle).

La prima accelerazione avviene a circa metà dei 10 chilometri in programma: davanti resta il quartetto formato da Meucci, Lalli, Ritzenhein e Ahmed, più staccati El Mazoury, Nasti e Zalewski. A due giri dal traguardo l’ingegnere pisano – nella specialità bronzo continentale nel 2012 – da fuoco alle polveri ma saranno Lalli e Ritzenhein a mettere in scena uno spettacolare testa a testa. Il molisano – già campione europeo di cross da junior, under 23 e assoluto (nel 2012) – sfodera il proprio passo da crossista di razza (a ritmi inferiori a 2:50 al chilometro) e prova ad allungare, ma lo statunitense rimane incollato in scia. L’azzurro scatena il tifo del pubblico assiepato lungo il percorso, ma il secondo che lo separa da Ritzenhein resta incolmato (29:08 a 29:09).
A completare la festa arriva il terzo posto di Daniele Meucci (29:23) che arriva davanti a El Mazoury e Nasti (29:44), il quarto italiano nei primi cinque posti di una gara costruita attorno ai due azzurri più forti e senza africani al via.

Andrea Lalli: “Ho avuto qualche fastidio dalle scarpe chiodate, che non indossavo da due anni, ma mi sono davvero divertito”. Continua l’oro europeo di Budapest 2012: “Come atleta sono nato proprio nel cross, che è la cosa che mi riesce più facile in assoluto. Per eccellere però ha bisogno di dedizione e allenamento, mentre io da due anni ho fatto una scelta precisa e mi sono concentrato solo sulla maratona. Oggi non mi aspettavo di essere così protagonista, ne sono felice. Ora mi aspettano 20 giorni di allenamento in Italia e poi un raduno in Kenya”.
Daniele Meucci: “Sono soddisfatto, certo avrei voluto vincere o provare a stare davanti sino alla fine, ma sto facendo allenamenti dedicati alla maratona e di conseguenza ho perso una brillantezza, in particolare nei cambi di ritmo, nelle curve e sui saliscendi”.

Dathan Ritzenhein con Andrea Lalli e Daniele Meucci (foto Colombo /Fidal)

Nella limpida giornata milanese la gara femminile mette in scena un copione completamente diverso. Ad andare in testa è fin da subito un quartetto composto dall’etiope Etagegn Woldu e dalle keniane Janet Kisa, Peres Jepchichir e Betsy Saina. Il poker africano prende il largo sin dai primi chilometri, mentre staccate di qualche decina di metri provano a resistere Federica Del Buono (Forestale), la belga Almenesh Belete e la statunitense Neely Spence.
Il distacco dal gruppetto di testa è di una decina di secondi a metà dei 6 chilometri di gara, quando le prime danno un’accelerazione decisa. Woldu si stacca e la vittoria si decide negli ultimi 200 metri quando Kisa (19:00) ha la meglio su Peres (19:01) e Saina (19:04), per un podio tutto targato Kenya. Quarta è Woldu (19:45) davanti all’americana Spence (19:56). La ventenne Federica Del Buono, in agosto quinta agli Europei di Zurigo sui 1500, fatica ma conserva il settimo posto in 20:27 alle spalle di Belete (20:11), resistendo anche al rientro di Sara Dossena (Atletica Brescia) capace di arrivare in 20:36. Alle sue spalle l’azzurra Valeria Roffino (Fiamme Azzurre) e poi Sara Brogiato (Aeronautica) a precedere l’azzurra della corsa in montagna Alice Gaggi, che chiude in 20:52.

La vincitrice Janet Kisa (Ken)  foto Colombo /Fidal

La prima under20 (le juniores hanno corso la gara assoluta) è così proprio l’etiope Etagegn Woldu (19:45) ma nella categoria arriva seconda l’azzurrina, all’esordio nella categoria, Nicole Svetlana Reina (CUS Pro Patria Milano, 20:56). Fra gli under20, che correvano una gara a parte con gli allievi, primo posto per l’allievo Njie Nfamara (Tre Casali San Cesario, 19:02) davanti allo junior Riccardo Mugnosso (Vis Nova Giussano) mentre per quanto riguarda gli under 23 il migliore è Italo Quazzola (Atletica Piemonte ASD). Marta Zenoni (Atl. Bergamo) vince la gara dedicata alle allieve.

 

 

http://www.corsainmontagna.it/notizie/campaccio-lalli-e-meucci-sul-podio-bene-anche-la-gaggi

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Trail: 10 consigli per correre in discesa più velocemente

Nelle gare di trail che comportano lunghi tratti