Dopo la corsa? Una bella birra!

Dopo la corsa? Una bella birra!

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
556
0
Fonte immagine: https://www.active.com/running/articles/the-best-of-beer-and-beverage-runs

Per dissetarsi al termine di una corsa o di una sessione di allenamento, la birra è una bevanda molto indicata e un bel premio che ripaga della fatica fatta

L’alcol è sconsigliato ai runner, ma c’è alcol e alcol: una bella birra al termine di un allenamento o di una gara non è affatto da demonizzare, anzi è consigliata perché permette di dissetarsi e di trovare il giusto “appagamento” dopo il lavoro e la fatica fatti. Il suo contenuto alcolico ridotto la rende una delle bevande indicate per il reintegro dei liquidi persi durante lo sforzo fisico, inoltre la presenza di zuccheri semplici al suo interno favorisce il ripristino delle scorte di glicogeno intaccate dalla corsa.

Si potrebbe affermare dunque che la birra è una bevanda da runner! Quale scegliere, però, fra tutte quelle che si trovano in commercio? Alcune indicazioni possono rivelarsi utili per i podisti meno esperti in fatto di birre; la birra belga è fra le più dissetanti e rinfrescanti per via del suo gusto acidulo e amarognolo, la gradazione alcolica si aggira intorno ai 5 gradi e spesso inoltre durante la preparazione vengono aggiunte spezie che incrementano l’apporto di sostanze nutrienti molto utili per chi pratica sport.

Fonte immagine: https://www.lineapress.it/arriva-la-conferma-la-birra-rende-intelligenti/

La birra pilsner extra dry è una birra chiara e dal gusto secco che si contraddistingue perché in grado di stimolare la produzione di succhi gastrici; bevuta prima di un pasto agevola il processo di digestione. La birra al frumento è più particolare pur essendo largamente diffusa; si differenzia perché nel processo di produzione vengono aggiunti lattobacilli. È una birra dalla gradazione alcolica inferiore, che oscilla fra 2,5 e 3,5 gradi e può essere definita una bevanda “da conversazione”.

Oltre a queste esistono numerose altre tipologie di birre: rosse, guinness, Ipa, non filtrate, blanche, weisse e chi più ne ha più ne metta: la scelta dipende in primo luogo dai gusti e dalle preferenze. Non sarebbe una cattiva idea organizzare delle serate fra runner dopo un allenamento o una gara in cui scegliere una tipologia di birra da degustare tutti insieme, per confrontarsi e condividere un momento di giovialità fra appassionati di corsa.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Passeggiare fa bene all’umore quanto correre

Non soltanto il running, come ben sappiamo, aiuta