L’alimentazione del podista

0
398

Correre è un’attività che permette di ottenere, soprattutto se praticata con regolarità, diversi benefici per l’organismo.

Non bisogna dimenticare, ad ogni modo, che è necessario ricorrere ad un’adeguata alimentazione. Solo in questo modo, infatti, è possibile avere l’energia sufficiente per mantenersi in forma senza rischiare di trovarsi senza forze.
Il podista che non corre a livelli agonistici dovrebbe limitarsi a seguire la normale dieta mediterranea. L’alimentazione base, pertanto, dovrebbe comprendere carboidrati, grassi (soprattutto di origine vegetale) e proteine. Inoltre, è necessario che la dieta sia molto varia, cercando di valorizzare quelli che sono i prodotti tipici del nostro Paese. Via libera, quindi, ad alimenti come frutta e verdura, legumi, cereali (meglio se integrali) e carne (preferire quella bianca), pesce e olio di oliva. Prediligere una cucina leggera, con piatti poco elaborati; in questo modo saranno sicuramente più digeribili. Cercare di evitare gli alimenti che presentano coloranti e conservanti, perché possono portare ad un affaticamento del fegato e dei reni. Chi, invece, è abituato a percorrere distanze piuttosto impegnative, arrivando anche ad affrontare delle maratone, dovrebbe avere un maggiore apporto calorico nel corso della giornata. Ricordarsi, inoltre, che è fondamentale l’apporto di liquidi; questi dovranno essere assunti un paio d’ore prima di iniziare a correre, durante l’esercizio e, soprattutto, dopo aver terminato l’allenamento, per poter reidratare l’organismo. L’acqua è la scelta ideale, ma anche tè caldi e tisane permettono di evitare casi di disidratazione, in particolar modo nel periodo estivo.

Il team di RunningMania

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here