L’alimentazione di un buon corridore

0
121

Per andare forte, un runner non ha bisogno soltanto di un buon allenamento, ma anche di una corretta alimentazione. La miglior tipologia di dieta per un podista è quella mediterranea, che assicura un bilanciato apporto di carboidrati, proteine e grassi.

Pasta e pane, in quantità non eccessive, sono comprese tutti i giorni ed ai carboidrati bisogna alternare le proteine di uova, pesce e carne. A questi alimenti bisogna sempre aggiungere verdura e frutta.
Tale regime alimentare è indicato per i runners che svolgono attività fisica per cinque o più volte alla settimana. I runners che invece si limitano a correre una oppure due volte alla settimana devono evitare i grassi e diminuire l’apporto di carboidrati, così come dev’essere ridotto anche il consumo di barrette e bevande di tipo energetico.
L’alimentazione del podista deve prevedere una colazione sostanziosa, con frutta fresca, oppure latte, cereali e frutta secca. In alternativa pane integrale con ricotta o altri tipi di formaggi. Sono previsti degli spuntini sia al mattino che al pomeriggio; si può optare ancora per frutta fresca oppure per fette biscottate con un po’ di miele. Il pranzo dev’essere leggero, composto da un piatto di pasta, oppure di riso in bianco, legumi e verdura. Il pane integrale è da preferire a quello tradizionale. La cena va consumata almeno due ore prima di andare a letto; si può puntare su un minestrone con sole verdure, dunque senza pasta o riso. Come secondo alternare carne e pesce. In vista di una gara non bisogna modificare eccessivamente il regime alimentare, in modo da non creare degli squilibri; al massimo è possibile fare delle scorte di carboidrati, ma senza esagerazioni.

Il team di RunningMania

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here