La tua gara in tre tappe: una diversa strategia di allenamento

0
385
La-tua-gara-in-tre-tappe

Prepariamoci al meglio per le competizioni primaverili con degli allenamenti per simulare le varie fasi di una gara

Affrontare una competizione significa in realtà fronteggiare tre diverse sfide. La prima è quella del via: in questa fase l’adrenalina è al massimo e bisogna stare attenti a non farsi prendere dall’entusiasmo e non bruciare subito tutte le energie. La seconda sfida riguarda invece i chilometri centrali: bisogna impostare un ritmo da mantenere che sia sopportabile per il fisico. L’ultima sfida, invece, punta a sorpassare più avversari possibili e al contempo a non farsi superare da nessuno. Vincere ciascuna di queste sfide richiede un insieme di abilità e strategia. Vediamo insieme gli allenamenti pensati per affrontare al meglio queste tre sfide.

Come simulare in allenamento le 3 fasi di una gara

La partenza

Partire troppo forti non è mai una scelta intelligente. Generalmente più la gara è lunga, più risulta devastante un avvio eccessivamente veloce. Uno sprint a inizio gara per cercare di staccarsi dal gruppo o per tentare di guadagnare qualche secondo può risultare controproducente, sia nelle maratone che nelle 5km, poiché può far affaticare ed irrigidire i muscoli prima del tempo.

la-tua-gara-in-tre-tappe

 

Come allenarsi per affrontare questa prima sfida? Se si corre in compagnia con più di un amico o con un gruppo si può simulare il tipico affollamento delle prime fasi di una competizione partendo tutti insieme e poi cercando concentrarsi ognuno sul proprio ritmo da mantenere, senza lasciarsi influenzare da quello altrui. Se invece ci si allena in solitaria si può possono provare alcune serie di ripetute: scattare per 15 secondi all’inizio di ogni prova per simulare lo start e poi riprendere il controllo tornando al ritmo previsto per la ripetuta.

La fase centrale della gara

In questo tratto della competizione occorre correre al ritmo obiettivo programmato e, ciò che è più importante, bisogna mantenerlo. Il miglior modo per riuscire a farlo è esercitarsi durante gli allenamenti. Per simulare questa fase della gara è meglio prediligere delle Tempo Run a una velocità leggermente superiore rispetto al ritmo gara, in modo da migliorare la resistenza e delle ripetute, sempre a ritmo più sostenuto, in modo da aumentare velocità e potenza.

la-tua-gara-in-tre-tappe

Nel dettaglio, per simulare la fase centrale di una 5 km, ci si allena correndo una Tempo Run per 1600 metri (4 giri di pista) seguiti da 5 ripetute da 3 minuti, con 2 minuti di recupero di corsa leggera. Se invece la gara che si dovrà affrontare è una 10 km, la Tempo Run dovrà essere di 3 km, con a seguire 10 ripetute da 2 minuti. Per la simulazione di una mezza maratona invece è meglio percorrere 1,5 km di corsa facile seguito da due Tempo Run da 5 km con un intervallo di 2 minuti di corsa leggera e per concludere 1,5 km finali di corsa facile. Per la maratona, invece, la fase centrale della gara si può simulare correndo 6-8 km a ritmo maratona seguiti da 1,5 km a ritmo facile e poi concludendo con altri 6-8 km a ritmo gara in modo da imparare a mantenerlo anche in caso di gambe stanche.

La fine: verso il traguardo

In questo tratto di corsa il pensiero è rivolto principalmente a tagliare il traguardo il prima possibile. Se le fasi precedenti sono state gestite in maniera corretta si è pronti per concludere con un grande sprint finale. È giunto quindi il momento di attingere alle forze rimaste.

la-tua-gara-in-tre-tappe-2

Come prepararsi a quest’ultima sfida? Allenandosi con dei lavori che abituino gradualmente il fisico ad accelerare nel finale. Dopo una corsa leggera di 20 minuti, si possono eseguire 4 allunghi da 20 secondi, accelerando in progressione per raggiungere il 95% dello sforzo massimo nella parte finale. Si fanno seguire quindi dalle 4 alle 8 accelerazioni di 150 metri, aumentando la velocità dopo i primi 50 metri concentrandosi sul movimento coordinato di braccia e gambe, spingendo i piedi più velocemente possibile.

Il Team di Runningmania

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here