Triathlon: guida alla scelta della bici perfetta

0
44
guida-alla-scelta-della-bici

Il triathlon è certamente uno degli sport più completi ma anche più duri ed estenuanti per un appassionato di running. Per la frazione di bicicletta avremo dunque bisogno di un mezzo con caratteristiche particolari e che si adatti alle nostre esigenze.

Per affrontare al meglio la fase in bici è indispensabile sapere quale tipologia di prodotto è più idoneo per noi. In realtà con qualche piccolo consiglio non è poi così difficile sceglierne una. Per rendere al meglio, infatti, è fondamentale avere una bicicletta leggera ed aerodinamica per guadagnare qualche chilometro orario in più a favore di vento.

Fasce di prezzo

In genere quello a cui si fa caso all’inizio è il prezzo. In una fascia bassa compresa tra i 400 ed i 1500 euro possiamo acquistare un prodotto usato o nuovo entry level se siamo alle prime armi. Ottimi affari si possono infatti trovare con le bici usate ma dovremo controllare attentamente telaio ed eventuali crepe nelle strutture in carbonio. Ad un prezzo compreso tra i 1500 ed i 3000 euro invece è possibile comprare una bicicletta di livello superiore, soprattutto se sono versioni degli anni precedenti ricollocate a prezzi scontati. Se poi si ha a disposizione un budget superiore possiamo anche puntare a qualche esemplare che costa dai 3000 euro in su e fino ai 12.000. In questo caso avremo un’ottima componentistica che ci consentirà di sfruttare al massimo il potenziale del nostro mezzo.

guida-alla-scelta-della-bici

Il tipo di bike

Una volta che avremo ben definito la fascia di prezzo che più ci interessa, non resta altro da fare che individuare il genere di bici di cui abbiamo bisogno a seconda della gara di triathlon che andremo ad affrontare. Una prima categoria è quelle delle superleggere da salita che si distinguono per le linee essenziali ed il telaio molto leggero. In questo caso ogni componente è molto sottile per contenere il peso e di conseguenza il costo sarà superiore. Altro tipo di bicicletta è la Aero road, nata per correre in strada ma con telaio da galleria del vento. Si adatta bene ai percorsi privi di grandi dislivelli ma è perfetta anche per le salite.

Più economiche sono poi le plurivalenti che si adattano ad ogni gara ciclistica e per cominciare l’attività vanno più che bene. Infine possiamo acquistare una Time Trial che è una vera e propria lama che taglia l’aria ma si può impiegare solo nelle gare 70.3 e nei full distance. La peculiarità che caratterizza questi modelli è soprattutto la posizione avanzata della sella e i prolungamenti del manubrio.

guida-alla-scelta-della-bici
Un modello Time Trial

I materiali

A proposito dei materiali, i due componenti da prendere in considerazione sono alluminio carbonio. Il primo è un elemento più rigido e pesante ma è nettamente più economico. Lo si impiega infatti per le bici di fascia bassa ma la resa è comunque buona. La fibra di carbonio invece ad oggi è il materiale più utilizzato per costruire telai di fascia medio-alta ed è anche quello più resistente alle sollecitazioni esterne.

Componenti

Per concludere non ci resta che valutare i componenti come gruppo e ruote che possono essere sostituiti e migliorati nel tempo. Il gruppo è formato da cambio, leve, freni, guarnitura e catena e ognuno potrà essere di leggerezza e composizione differente a seconda del modello. Prima dell’acquisto andremo infine a valutare le ruote poiché la scorrevolezza ed il peso incidono sul comportamento della bicicletta.

guida-alla-scelta-della-bici

Il Team di RunningMania

 

Leggi anche:

Più veloce ma senza rinunciare alla comodità sulla bici da crono

Allenamento combinato bici corsa per il triathlon