I benefici della crioterapia per il runner

0
777
i-benefici-della-crioterapia-per-il-runner

Scopriamo insieme i benefici della crioterapia e perché è sempre più in voga fra gli atleti professionisti

La crioterapia è un efficace trattamento per il recupero post allenamento e post gara molto diffuso in questi ultimi tempi fra gli atleti professionisti. La prima categoria di sportivi ad averla sperimentata sono stati i rugbisti, ma capita sempre più spesso di vedere anche ciclisti, atleti di arti marziali, calciatori e persino runner come il velocista Usain Bolt e l’ex maratoneta Paula Radcliffe sottoporsi alla “terapia del freddo” dopo uno sforzo particolarmente intenso e prolungato.

Un antico rimedio naturale

La crioterapia di per sé non è una novità: le proprietà antinfiammatorie e terapeutiche del freddo erano ben note sin dall’antichità. Per millenni infatti molte popolazioni hanno praticato i bagni nel ghiaccio per curare dolori ossei, infiammazioni ed altre patologie. Al giorno d’oggi la tecnologia ha reso possibile l’evoluzione di questa antica pratica con la realizzazione di diverse tecniche avanzate di crioterapia, come ad esempio i crioultrasuoni, la criosauna e la criocamera, ma è tuttora possibile lenire i dolori muscolari e smaltire l’acido lattico semplicemente immergendosi in una vasca con ghiaccio.

i-benefici-della-crioterapia-per-il-runner

I benefici della crioterapia sugli atleti

Il freddo, com’è noto, possiede proprietà antinfiammatorie ed analgesiche: quante volte ci sarà capitato di prendere una botta ed apporre sulla parte dolorante del ghiaccio per lenire il dolore ed il gonfiore? Il medesimo principio viene adottato nello sport con la crioterapia: immergere il corpo in una vasca con ghiaccio consente di contenere il gonfiore e calmare il dolore muscolare oltre a svolgere un’azione miorilassante che consente ai muscoli di sciogliersi evitando dolorose contratture. Il freddo, inoltre, blocca il rilascio di acido lattico e rallenta il metabolismo del tessuto muscolare e il suo deterioramento dopo un prolungato sforzo atletico. L’azione del freddo su diversi livelli determina così un recupero più rapido e previene la possibilità di infortuni da stress a livello tendineo e muscolare.

i-benefici-della-crioterapia-per-il-runner

Come sperimentare a casa la crioterapia: tempi e modalità

La crioterapia si può sperimentare anche se non si è degli atleti con ingaggio miliardario: come già detto, tutto quello che serve sono una vasca da bagno e del ghiaccio. In questo caso le temperature saranno meno rigide rispetto a quelle di una criocamera di un centro specializzato, dove si arriva persino sottozero, tuttavia anche con 5-10°C si possono ottenere dei benefici e con tempi di permanenza brevi. Non è infatti soltanto il freddo in sé a garantire effetti benefici per l’organismo ma anche lo “shock” termico che il corpo subisce quando esce dalla vasca poiché deve regolare la propria temperatura e riportarla a quella ideale: ciò attiva il metabolismo e contribuisce a bruciare calorie. L’ideale se si vuole sperimentare la crioterapia a casa è immergersi nella vasca per 1 minuto, uscire per 2 minuti e ripetere questa alternanza di freddo/caldo più volte.

 

 

Il Team di RunningMania

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here