Aumentare la velocità grazie agli allunghi

0
676
Aumentare la velocità grazie agli allunghi

Chi ha da poco cominciato a correre si trova a dover familiarizzare con vari aspetti del running piuttosto importanti: andiamo alla scoperta degli allunghi

Dopo varie settimane di allenamenti, ai principianti può capitare di trovarsi di fronte ad una sorta di dilemma: l’impegno e la dedizione sono stati ripagati, perché ora il fiato c’è e si riesce a correre la distanza desiderata senza alcun problema, ma la velocità dov’è? Ci sono tanti novizi del running a cui, ad un certo punto, la corsa a ritmo moderato non basta più e sentono l’esigenza di andare più veloci, di dimostrare che possono fare ancora meglio. Come si può incrementare la velocità?

Aumentare la velocità grazie agli allunghi

Gli allunghi sono il sistema con il quale si può aumentare la velocità della propria corsa: consistono in brevi tratti di corsa – in genere fra i 60 ed i 100 metri – da effettuare accelerando per poi ritornare alla velocità iniziale. Attraverso gli allunghi, il corpo comprende che può sviluppare velocità maggiori e viene predisposto a farlo. Elemento importante degli allunghi è il recupero, ovvero quanto tempo impiega il cuore a tornare ad un battito regolare dopo l’accelerazione.

Ad ogni sessione di allenamento, bisogna effettuare quattro o cinque allunghi per allenare il corpo nella maniera giusta; dopo qualche seduta, si noterà che i tempi necessari al recupero saranno più brevi e che la frequenza cardiaca non si impennerà ad ogni allungo e salirà in misura minore rispetto a quanto accadeva all’inizio. Questo significa poter reggere una maggiore velocità con uno sforzo contenuto e il merito è proprio degli allunghi.

Aumentare la velocità grazie agli allunghi

Oltre al fondo, dunque, il runner principiante dispone ora anche della velocità e questi due elementi rappresentano le basi della corsa. Per capire meglio come “gestire” gli allunghi può essere d’aiuto un cardiofrequenzimetro, con il quale è possibile tenere sempre sotto controllo la frequenza cardiaca, l’indicatore più preciso e affidabile per un podista, in grado di fornire le informazioni necessarie per capire come si sta correndo (e soprattutto se si stanno commettendo degli errori).

 

 

 

Il Team di RunningMania