Correre con la mascherina è totalmente inutile: il parere del virologo

0
10532
mascherina-per-correre

Il professor Fabrizio Pregliasco ha chiarito come l’utilizzo della mascherina per la corsa sia uno spreco, oltre che inutile contro il coronavirus. Vediamo perché.

Fra i runner che continuano ad allenarsi in questo periodo (nel rispetto delle norme anticontagio e delle ordinanze comunali) ve ne sono alcuni che lo fanno in mascherina. Ma questa forma di prevenzione è davvero utile a proteggersi? A questa domanda ha risposto il virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco nel corso di un’intervista di Gazzetta Active e impegnato in prima linea in questo periodo di emergenza sanitaria all’Ospedale Galeazzi di Milano.

Non è soltanto inutile è anche uno spreco

Considerata la carenza di mascherine disponibili in commercio, utilizzarla quando non vi è una reale necessità, a detta dell’esperto, sarebbe un’abitudine da evitare. “La mascherina durante la corsa dà fastidio, si riempie di saliva e non serve a nulla”, ha voluto chiarire il professor Pregliasco. Anzi, attiverebbe addirittura un corto circuito controproducente. “La mascherina non occorre se non si è positivi. Si usa magari al supermercato, perché vi è la paura della vicinanza di altre persone, ma è uno spreco. Basta osservare la distanza di sicurezza di almeno un metro”. Vale lo stesso per i guanti: non servono a granché quando si esce, ancora meno se si va a correre. “Indossando mascherina e guanti, inoltre, si tende a commettere più sciocchezze: si toccano gli oggetti con i guanti e poi ci si porta la mano alla bocca pensando di essere tranquilli. Il problema, però, non sono le mani ma dove si mettono le mani. C’è il rischio di abbassare la guardia”.

Lavarsi le mani anzitutto

Il professor Pregliasco ha inoltre ribadito l’importanza delle norme igieniche di sicurezza. “Laviamoci le mani e manteniamo la giusta distanza. Questo vale anche per i runner. Il problema non è chi va a correre o va a passeggiare da solo in campagna: è molto più rischioso stare vicino a qualcuno quando porta il cane a passeggio o quando va a fare la spesa. Il problema principale, quindi, è la vicinanza degli altri”. Come sottolineato dall’esperto, i runner che vanno a correre in solitaria (salvo ordinanze comunali o ulteriori restrizioni) lo possono fare senza rischi, ovviamente a patto che stiano bene e non siano positivi al covid-19. “Fare una corsa o una passeggiata da soli non è un pericolo, ricordando però di mantenere sempre le distanze dalle altre persone”.

Il Team di RunningMania

 

Leggi anche:

Coronavirus e running: #restoacasa o posso uscire a correre?