Il doppio allenamento giornaliero è davvero utile per i triatleti?

0
202
doppio-alenamento

Vediamo insieme i pro e i contro del doppio allenamento quotidiano per la preparazione alle competizioni di triathlon.

Molti triatleti, dopo un primo periodo di allenamento svolto con rigore e metodo, notando i benefici sulla propria performance, sono portati ad aumentare ulteriormente i carichi, inserendo delle doppie sedute giornaliere. Ma questa strategia può davvero migliorare le proprie prestazioni? In realtà non tutti sono capaci di reggere questo genere di sforzo, sebbene si tratti di una consuetudine molto frequente fra i triatleti a qualsiasi livello. Sta all’atleta o al suo allenatore comprendere se si tratta della giusta strategia. Vediamo quali sono gli aspetti positivi e negativi del doppio allenamento giornaliero.

Perché sì

Il doppio allenamento, se fatto con criterio, permette di programmare un training blando la mattina e uno di tipo più intenso nel pomeriggio. È necessario però pianificare anche il riposo, che serve ad assimilare meglio il lavoro svolto. Il doppio allenamento può essere utile per incrementare il volume settimanale senza il bisogno di effettuare sedute uniche troppo lunghe e logoranti.

doppio-alenamento

Perché no

Il doppio allenamento potrebbe mettere il fisico sotto stress causando a lungo andare delle lesioni, soprattutto se si non effettua un adeguato recupero nella sessione mattiniera e si arriva a quella serale in cattive condizioni. Vi è inoltre il rischio di incorrere nell’overtraining: se non si assimila in maniera corretta il lavoro svolto durante ogni sessione, la prestazione atletica ne risentirà sensibilmente subendo un netto decadimento.

doppio-alenamento

Qual è la migliore strategia di allenamento?

Per gli atleti professionisti è normale arrivare a svolgere il doppio o addirittura il triplo degli allenamenti base. Non sempre è possibile invece per un amatore, anche per il semplice fatto di dover riuscire ad “incastrare” gli allenamenti in mezzo agli impegni quotidiani. Stress, lavoro, impegni di famiglia e gli inconvenienti di tutti i giorni possono rubare energie e influire persino sulla qualità del recupero. Meglio quindi ponderare con criterio i carichi e studiare a tavolino un allenamento equilibrato che permetta di assimilare al meglio ogni seduta d’allenamento, che si tratti di forza, velocità o resistenza.

Il Team di RunningMania

Leggi anche:

Allenamento combinato per i triatleti: quando inserirlo e perché?

Triathlon: la tecnica psicologica per non sentire la fatica