Corsa sul posto: l’alternativa indoor che funziona

0
16397
corsa-sul-posto

Non tutti abbiamo in casa un tapis roulant per poterci allenare indoor però possiamo provare la corsa sul posto: ecco perché funziona e come praticarla

In questi giorni di “stop forzato” a causa dell’emergenza sanitaria in corso dovuta al covid-19 allenarsi con regolarità è difficile ma non impossibile. Tanti runner stanno trovando delle alternative smart all’allenamento tradizionale outdoor, fra cui l’utilizzo di attrezzi o di macchine come il tapis roulant. Non tutti, però, hanno la fortuna di possederlo o la disponibilità economica per poterlo acquistare. Come fare allora per non rinunciare ugualmente all’allenamento, mantenere alto l’umore e magari scongiurare l’aumento di peso dato da questa imprevista sedentarietà? Una soluzione economica e molto semplice è la corsa sul posto. Scettici? Prima di storcere il naso, vediamo insieme come praticarla.

Come iniziare

La corsa sul posto è senza dubbio sottovalutata, se non addirittura snobbata da molti sportivi. Eppure, in questi tempi, può rappresentare una valida alternativa alla corsa outdoor classica per aiutarci a liberare endorfine e stare bene. Ma come iniziare? Anzitutto indossiamo la nostra tenuta abituale da running, come se dovessimo uscire per il nostro consueto allenamento su strada. Si tratta di un “rituale” che aiuta a motivarci e mantenerci carichi! Una volta pronti, scegliamo l’angolo della casa più adatto alla nostra attività fisica: se si ha la fortuna di avere una terrazza, un’ampia veranda o un cortile meglio ancora, poiché potrete beneficiare anche degli effetti positivi della vitamina D dati dal sole. E ora? Dopo 5 minuti di riscaldamento, importante per preparare i muscoli allo sforzo fisico, si può entrare nel vivo dell’allenamento.

corsa-sul-posto

Come si pratica la corsa sul posto

Per rendere più performante ed efficace la corsa sul posto occorre seguire alcuni accorgimenti e curare degli aspetti importanti. In questo caso è fondamentale:

  • Respirare con regolarità, non trattenere il fiato;
  • Sollevare le ginocchia da terra (ma non si tratta di un esercizio di skip!);
  • Accompagnare il movimento della corsa con le braccia;
  • Mantenere lo stesso ritmo per almeno un quarto d’ora;
  • Rallentare la corsa se si avverte stanchezza eccessiva, senza interromperla bruscamente.

Raggiungere i 15 minuti continuativi di attività se siete runner principianti è già un buon traguardo e si può decidere di aumentare la durata gradualmente, giorno per giorno. Conclusa la sessione di corsa sul posto non dimentichiamo lo stretching, per allungare le fibre muscolari e scongiurare i DOMS.

E se mi annoio?

Questo purtroppo è uno dei punti deboli della corsa da fermi: “paesaggio” sempre uguale, peggio ancora se si è al chiuso. Un modo per non stufarsi facilmente è quello di creare una playlist apposita per l’allenamento, con canzoni che possano dare la carica e aiutare a mantenere il ritmo dell’allenamento. Si può anche optare per dei podcast o degli audiolibri, o ancora, se non si ha uno spazio “aperto” in casa si può guardare la propria serie tv preferita o dei video di paesaggi naturali con suoni rilassanti.

I benefici della corsa sul posto: bruci calorie, tonifichi e dimagrisci

La corsa sul posto produce gli stessi benefici fisici di una corsa al parco o sul tapis roulant: aiuta a bruciare calorie, attiva il metabolismo assicurando il dimagrimento e migliora l’efficienza di polmoni e cuore. E cosa non da poco, aiuta a liberare endorfine e a svuotare la mente dai brutti pensieri. E in termini di dispendio energetico? Una sessione di corsa sul posto da 10 minuti a buon ritmo può far bruciare dalle 90 alle 100 calorie, un’ora sino a 500. Vale la pena provare, no?

Il Team di RunningMania

 

Leggi anche:

Il riscaldamento prima della corsa: un’attività fondamentale

Ottimizza il tuo riscaldamento per migliorare le performance

Le 5 migliori fit band e smartwatch per il running